Commento al Bilancio Consuntivo 2017

Ieri era la Giunta ha presentato i conti economici del nostro Comune per il 2017.
Abbiamo espresso la nostra preoccupazione in merito a 3 fattori:
1. la drastica riduzione del personale comunale sta portando ad una diminuzione dei servizi, ad una minore presenza sul territorio e ad una scarsa capacità di ascolto verso i cittadini. Non vorremmo che i cesanesi debbano abituarsi ad una situazione di abbandono e di servizi parziali.
2. I dati di bilancio mostrano che il Comune ha una scarsa capacità di riscuotere i crediti, addirittura ve ne sono alcuni datati 2008. Questo genera una diminuzione della capacità di spesa in servizi e a pagare sono sempre i cittadini più deboli.
3. Il livello di indebitamento del Comune è in costante diminuzione. Ad un primo sguardo questo può sembrare un elemento positivo. In realtà questo significa che da anni non si fanno grandi investimenti a lungo termine, ma ci si limita solo a rattoppare le urgenze non rinviabili. La mancanza di una visione ambiziosa e sfidante è davvero preoccupante.
Infine, durante la discussione qualche consigliere ha citato le società partecipate, soprattutto in riferimento al parere AGCOM circa gli affidamenti illegittimi nella gestione rifiuti.
Il silenzio della Giunta è stato assordante!

Gli affidamenti diretti nel quadriennio 2014-2017

Ogni anno il Comune di Cesano Maderno è tenuto a pubblicare, sul proprio sito web, l’elenco degli affidamenti diretti assegnati a tutte le aziende, indicando oggetti e importi delle prestazioni eseguite (qui il link).

In riferimento al quadriennio dal 2014 al 2017, pubblichiamo la TOP 15 delle aziende che hanno avuto più affidamenti diretti inferiori ai 40.000 €, ovvero quelli senza gara ad evidenza pubblica:

  1. Cooperativa Sociale Il Seme onlus             777.411,07 €
  2. Cooperativa Sociale SOLARIS                  384.993,30 €
  3. Termoidraulica Molteni Giorgio                316.627,90 €
  4. AEPER Coop. Sociale                                 314.682,03 €
  5. Comunità la Mongolfiera                            249.889,16 €
  6. Costruzioni Edili Monieri Armando           238.690,88 €
  7. Oasi due Coop. Sociale                                208.639,46 €
  8. Cascina Biblioteca Coop. Sociale               189.622,00 €
  9. Spazio Aperto Servizi Soc. Coop. Sociale   171.608,72 €
  10. RSA Monte Tabor                                         152.698,00 €
  11. Coop. Sociale Oasi                                         151.832,89 €
  12. Madonna dei poveri                                      145.352,00 €
  13. Comunità Casa Don Guanella                    139.948,10 €
  14. Duepuntiacapo Coop. Onlus                      138.837,56 €
  15. Istituto Pavoniano Artigianelli                   138.328,60 €

Per completezza e trasparenza alleghiamo un file Excel (Affidamenti inf 40000 € ) contenente tutti i dati, divisi per ogni anno, in modo che ogni cittadino possa sempre essere al corrente della consistenza degli affidamenti diretti a Cesano Maderno, senza andare a cercare nei meandri del poco funzionale sito web. Tutti i dati sono aggiornati a quanto pubblicato dal Comune nella sezione Amministrazione Trasparente fino al 10 aprile 2018.

MoVimento 5 Stelle Cesano Maderno

CHI PRIMA ARRIVA MEGLIO ALLOGGIA

Nel Consiglio Comunale del 14 marzo si è discusso il Bilancio di Previsione.
Avremmo potuto presentare emendamenti in modo unilaterale, sui quali costruire le solite polemiche della politica che si parla addosso.
Invece no: abbiamo preferito dimostrare collaborazione sui temi ed abbiamo segnalato alla Giunta diverse opportunità per reperire risorse economiche per Cesano Maderno.
Ad esempio, è attivo un Bando di rimozione amianto che potrebbe coprire parte dei costi per la bonifica del centro anziani di Via Leopardi.
Oppure, è stato attivato il Fondo nazionale per l’Efficienza Energetica, che consente ai Comuni di accedere a mutui a tasso 0,25% per investire nella riqualificazione delle scuole.
Purtroppo qualche Assessore ci ha risposto che loro sono già a conoscenza di tutto e che non hanno bisogno dei nostri consigli.
Noi crediamo che saccenza e arroganza non porteranno benefici né ai cittadini né alle casse comunali; anzi, probabilmente produrranno gravi danni per il presente e per il futuro della città.
Per questo motivo, andiamo oltre e rilanciamo: la Commissione Europea ha finalmente lanciato il bando per promuovere le connessioni wi-fi gratuite per i cittadini negli spazi pubblici come parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, musei e centri sanitari in tutta l’Europa.
Il bando WI-FI4EU uscirà il 15 MAGGIO 2018 ed è già possibile per gli Enti locali registrarsi attraverso questo portale https://goo.gl/4PKkJj
La registrazione è il passo preliminare che consentirà ai Comuni di partecipare al bando e ottenere il voucher.
Il 15 Maggio 2018, alle ore 13.00 uscirà il primo bando: i Comuni registrati potranno presentare la propria candidatura per avere un voucher WiFi4EU.
I voucher saranno assegnati secondo la modalità “a sportello” (“first-come, first-served”), cioè in base all’ordine di arrivo della richiesta.
Sarà quindi fondamentale la data e l’orario di inoltro della candidatura.
Per maggiori informazioni sul bando, è possibile cliccare qui per le domande e le risposte elaborate dalla Commissione per chiarire tutti gli aspetti dell’iniziativa https://goo.gl/yMrhba oppure scrivere a https://goo.gl/JuQiTx
Il voucher coprirà i costi per le attrezzature e l’installazione degli hotspot Wi-fi.
Ai beneficiari spetterà impegnarsi per pagare i costi per la connessione e il mantenimento dell’infrastruttura per offrire una connessione Wi-fi libera e di alta qualità per almeno 3 anni.
L’ammontare del voucher equivale a 15.000 euro per ciascuna municipalità.
Qui trovate la lista dei Comuni italiani ammessi a partecipare: https://goo.gl/NzhN3j
Trattandosi di un bando a sportello consigliamo di fare il prima possibile!
Ci auguriamo che la Giunta faccia tutto il possibile per non perdere questa straordinaria opportunità!
https://www.wifi4eu.eu/#/home

​MoVimento 5 Stelle Cesano Maderno​

UOMINI CHE *IGNORANO* LE DONNE

Sabato 10 febbraio, nel pomeriggio, siamo stati testimoni di una brutta scena.

Con un gruppo di attivisti stavamo andando in visita alla stazione di Cesano Maderno quando, sull’ultima rampa di scale che portano al binario 1 della linea Milano – Asso, ci siamo trovati davanti ad una donna che correva terrorizzata verso la rampa di scale, chiedendo aiuto mentre cercava di scappare da degli uomini. Di fronte ad una donna che scappa piangendo attorniata da uomini, dei quali uno la tratteneva per un braccio, non siamo stati a chiederci chi fossero, ma l’abbiamo aiutata senza se e senza ma. La donna chiedeva insistentemente di tenere lontani gli uomini e di chiamare i carabinieri, quindi abbiamo prontamente chiamato il 112.

I Carabinieri sono prontamente intervenuti sul posto ed hanno eseguito i rilievi del caso.

Questo episodio ci ha fortemente scosso, nessuno si aspetta di dover affrontare una situazione simile mentre si reca in una stazione ferroviaria di sabato pomeriggio.

Cesano Maderno ha tanti problemi, tra i quali quello della sicurezza, molto sentito dai cittadini. Di fronte ad un problema, esistono solo due strade:

  1.  Analizzare le cause, progettare azioni e costruire soluzioni concrete e condivise.
  2. Fingere che tutto vada bene, sapendo benissimo che non è così. Ostinarsi a non vedere, né sentire i problemi; ignorare in maniera totale ogni minimo segnale.

Per noi del Movimento 5 Stelle i problemi si affrontano solo percorrendo la prima strada.
A Cesano Maderno, invece, si imbocca la seconda strada e si negano i problemi: questo significa essere lontani dalla realtà.

Condanniamo fermamente qualsiasi episodio di violenza, di intimidazione e di aggressione verso qualsiasi persona.

Condanniamo qualsiasi episodio di violenza in modo ancora più forte e deciso quando la vittima è una donna.

Ogni anno in Italia, più di cento donne vengono uccise da uomini, quasi sempre quelli che sostengono di amarle. È una vera e propria strage. Ai femminicidi si aggiungono anche le violenze quotidiane, difficili da conteggiare ma che, se non fermate in tempo, rischiano di fare altre vittime: sono migliaia le donne molestate, perseguitate, aggredite, picchiate, sfregiate. Sono quasi 7 milioni le donne che nel corso della propria vita hanno subito una forma di abuso (Fonte: dati ISTAT 2016 e ANSA).

Questi dati sono preoccupanti e dovrebbero scuotere le coscienze di tutti, al fine di cercare di prevenire e arginare il problema.

Avremmo voluto sentire o leggere dichiarazioni a sostegno della donna vittima dello spiacevole episodio, da parte del Sindaco e da parte di Assessori e Consiglieri che sono stati delegati a lavorare sul tema della violenza di genere.

O il loro silenzio è stato assordante oppure sono cosi lontani dalla realtà che nessuno è più in grado di sentire che cosa dicono.

MoVimento 5 Stelle Cesano Maderno