Archivi categoria: Consigli Comunali

Commento al Bilancio Consuntivo 2017

Ieri era la Giunta ha presentato i conti economici del nostro Comune per il 2017.
Abbiamo espresso la nostra preoccupazione in merito a 3 fattori:
1. la drastica riduzione del personale comunale sta portando ad una diminuzione dei servizi, ad una minore presenza sul territorio e ad una scarsa capacità di ascolto verso i cittadini. Non vorremmo che i cesanesi debbano abituarsi ad una situazione di abbandono e di servizi parziali.
2. I dati di bilancio mostrano che il Comune ha una scarsa capacità di riscuotere i crediti, addirittura ve ne sono alcuni datati 2008. Questo genera una diminuzione della capacità di spesa in servizi e a pagare sono sempre i cittadini più deboli.
3. Il livello di indebitamento del Comune è in costante diminuzione. Ad un primo sguardo questo può sembrare un elemento positivo. In realtà questo significa che da anni non si fanno grandi investimenti a lungo termine, ma ci si limita solo a rattoppare le urgenze non rinviabili. La mancanza di una visione ambiziosa e sfidante è davvero preoccupante.
Infine, durante la discussione qualche consigliere ha citato le società partecipate, soprattutto in riferimento al parere AGCOM circa gli affidamenti illegittimi nella gestione rifiuti.
Il silenzio della Giunta è stato assordante!

CHI PRIMA ARRIVA MEGLIO ALLOGGIA

Nel Consiglio Comunale del 14 marzo si è discusso il Bilancio di Previsione.
Avremmo potuto presentare emendamenti in modo unilaterale, sui quali costruire le solite polemiche della politica che si parla addosso.
Invece no: abbiamo preferito dimostrare collaborazione sui temi ed abbiamo segnalato alla Giunta diverse opportunità per reperire risorse economiche per Cesano Maderno.
Ad esempio, è attivo un Bando di rimozione amianto che potrebbe coprire parte dei costi per la bonifica del centro anziani di Via Leopardi.
Oppure, è stato attivato il Fondo nazionale per l’Efficienza Energetica, che consente ai Comuni di accedere a mutui a tasso 0,25% per investire nella riqualificazione delle scuole.
Purtroppo qualche Assessore ci ha risposto che loro sono già a conoscenza di tutto e che non hanno bisogno dei nostri consigli.
Noi crediamo che saccenza e arroganza non porteranno benefici né ai cittadini né alle casse comunali; anzi, probabilmente produrranno gravi danni per il presente e per il futuro della città.
Per questo motivo, andiamo oltre e rilanciamo: la Commissione Europea ha finalmente lanciato il bando per promuovere le connessioni wi-fi gratuite per i cittadini negli spazi pubblici come parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, musei e centri sanitari in tutta l’Europa.
Il bando WI-FI4EU uscirà il 15 MAGGIO 2018 ed è già possibile per gli Enti locali registrarsi attraverso questo portale https://goo.gl/4PKkJj
La registrazione è il passo preliminare che consentirà ai Comuni di partecipare al bando e ottenere il voucher.
Il 15 Maggio 2018, alle ore 13.00 uscirà il primo bando: i Comuni registrati potranno presentare la propria candidatura per avere un voucher WiFi4EU.
I voucher saranno assegnati secondo la modalità “a sportello” (“first-come, first-served”), cioè in base all’ordine di arrivo della richiesta.
Sarà quindi fondamentale la data e l’orario di inoltro della candidatura.
Per maggiori informazioni sul bando, è possibile cliccare qui per le domande e le risposte elaborate dalla Commissione per chiarire tutti gli aspetti dell’iniziativa https://goo.gl/yMrhba oppure scrivere a https://goo.gl/JuQiTx
Il voucher coprirà i costi per le attrezzature e l’installazione degli hotspot Wi-fi.
Ai beneficiari spetterà impegnarsi per pagare i costi per la connessione e il mantenimento dell’infrastruttura per offrire una connessione Wi-fi libera e di alta qualità per almeno 3 anni.
L’ammontare del voucher equivale a 15.000 euro per ciascuna municipalità.
Qui trovate la lista dei Comuni italiani ammessi a partecipare: https://goo.gl/NzhN3j
Trattandosi di un bando a sportello consigliamo di fare il prima possibile!
Ci auguriamo che la Giunta faccia tutto il possibile per non perdere questa straordinaria opportunità!
https://www.wifi4eu.eu/#/home

​MoVimento 5 Stelle Cesano Maderno​

AI PARTITI PIACE IL CITTADINO ZITTO

Nel Consiglio Comunale di martedì 24 ottobre 2017, abbiamo presentato una mozione per istituire il Question Time dei Cittadini proprio nell’assemblea consiliare, mozione che abbiamo presentato e sottoposto al voto del Consiglio stesso.

Il Question Time è un momento di confronto tra i Cittadini e l’Amministrazione, un modo per partecipare attivamente alla vita politica e amministrativa della città.

È un’occasione per fare una domanda o chiedere chiarimenti al Sindaco o ad un componente della Giunta su qualsiasi argomento che riguarda la città e le attività del Comune.

Prima di “svelarvi” l’esito della votazione del Consiglio Comunale sulla nostra proposta, vogliamo fare una premessa che ci aveva spinto ad essere ottimisti sulla possibile approvazione del nostro progetto.
La nostra premessa riguarda le volontà, i buoni auspici e le parole che alcuni consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, avevano espresso sul tema della partecipazione, concetto sempre usato dai partiti nei mesi di campagna elettorale e che viene puntualmente abbandonato nel periodo di amministrazione.

Queste le dichiarazioni fatte durante il primo Consiglio Comunale del 14 luglio 2017:

– Paolo Vaghi detto Aberto (Capogruppo ViviCesano)

“La PARTECIPAZIONE non è per noi uno SLOGAN, è l’unica modalità politica di lavoro che conosciamo.”

– Francesco Romeo (Capogruppo Partito Democratico)

“In questi prossimi cinque anni abbiamo intenzione di intraprendere la strada del DIALOGO e dell’ASCOLTO, perché […] troppa gente non è andata a votare e quindi c’è la necessità di riaprire un DIALOGO CON I CITTADINI, CHE DEVONO RIAVVICINARSI ALLA POLITICA E DEVONO INTERESSARSI ALLA VITA PUBBLICA.”

– Marco Giovanni Merighi (Consigliere Partito Democratico)

“Si governa in due, anzi tre: minoranza, maggioranza e CITTADINI.”

– Marina Romanò (Capogruppo Lega Nord)

“E speriamo che nasca questa legislatura anche sotto il segno della TRASPARENZA, perché oltre ai consiglieri comunali, io penso che i CITTADINI hanno il diritto di essere informati, e di esercitare anche loro la funzione di controllo, e i cittadini POSSONO FARLO SOLO SE POSSONO AVERE GLI STRUMENTI dove poter esercitare questa funzione di controllo.”

Fatte queste considerazioni, penserete ovviamente che il Consiglio Comunale abbia approvato all’unanimità la nostra mozione, convinti del fatto che finalmente si potesse dare al cittadino la possibilità di interloquire direttamente ed ufficialmente con la giunta.

Sbagliato! La nostra mozione è stata respinta con i “no” di PD, ViviCesano, UDC, Alleanze Civiche, Lega Nord, Forza Italia, Con Bosio Per Cesano e l’astensione di Passione Civica.

Ma come? Dalle loro dichiarazioni credevamo di aver incontrato tanti fautori della partecipazione e della democrazia.

Abbiamo dato la possibilità ai partiti cesanesi di salvare la poca credibilità che ad essi rimaneva.

Abbiamo dato loro l’opportunità di essere coerenti con le migliaia di volantini sparsi nei mesi di maggio e giugno per tutta la città, volantini che riportavano in grassetto la parola PARTECIPAZIONE.

Hanno buttato via l’occasione VERA di riavvicinare i Cittadini all’istituzione Comunale.
I partiti ancora una volta sono stati capaci di rimangiarsi quanto detto precedentemente da loro stessi, di smentire le loro stesse parole con le quali hanno preso per i fondelli i nostri Concittadini.

Noi non ci stiamo a tutto ciò.

Altri comuni lombardi (come Sesto San Giovanni, Saronno, Cerro al Lambro, Cerro Maggiore, Canegrate) hanno già introdotto questo sistema, comuni amministrati sia dal centro-sinistra che dal centro-destra.
È per questo che la battaglia sul Question Time continuerà, perché far sentire il Cittadino veramente partecipe della vita pubblica della nostra città è una nostra priorità e deve essere una priorità anche del Sindaco, della Giunta e del Consiglio Comunale.