Sul dopo Expo si sono sprecate tantissime parole ma a regnare è ancora la confusione. Mentre l’idea del polo scientifico dell’Università Statale di Milano con quello tecnologico di Assolombarda sono work in progress, Maroni parla di un fantomatico Expo provvisorio, un piano B in perfetto stile Renzi.
" />

Cesano Maderno 5 Stelle

Il blog di Cesano Maderno 5 Stelle

Cesano Maderno 5 Stelle - Il blog di Cesano Maderno 5 Stelle

Expo non finisce il 31 ottobre: il M5S Lombardia ottiene risposte concrete da Sala

Sul dopo Expo si sono sprecate tantissime parole ma a regnare è ancora la confusione. Mentre l’idea del polo scientifico dell’Università Statale di Milano con quello tecnologico di Assolombarda sono work in progress, Maroni parla di un fantomatico Expo provvisorio, un piano B in perfetto stile Renzi. Progetti aleatori che si scontrano con tutti gli interrogativi ancora irrisolti legati al futuro dell’area e che si scontrano con le normative in tema di sicurezza nei cantieri. Proposte utili a riempire le pagine dei giornali di fronte alle legittime domande dei cittadini, che su Expo hanno investito di tasca propria in tasse (e purtroppo, a volte, anche in corruzione, tangenti e speculazioni edilizie).

In questo caos, gli unici a cui sembra davvero interessare il destino di un patrimonio pubblico siamo noi del MoVimento 5 Stelle. Sono mesi che lavoriamo e sollecitiamo la Giunta perché alcuni nodi vengano finalmente sciolti, ma a 40 giorni dalla chiusura abbondano le nubi e scarseggiano le certezze. E mentre la maggioranza lombarda è impegnata a risolvere le spaccature interne o a sfruttare l’emergenza migranti per racimolare voti, noi abbiamo studiato le carte, chiesto documenti e lavorato duramente per far si che i cittadini non spendano più un euro in nome di Expo2015, e che la sua eredità sia un valore aggiunto per la città e non una zavorra.

Un lavoro che ha portato al proficuo confronto di venerdì scorso tra i portavoce regionali del Movimento 5 Stelle Silvana Carcano, Giampietro Maccabiani e Gianmarco Corbetta, insieme al senatore Bruno Marton e il consulente tecnico Giovanni Navicello, con l’Amministratore Delegato e Commissario Unico di Expo S.p.A Giuseppe Sala, che alle sollecitazioni del M5S ha risposto impegnandosi su diversi aspetti problematici legati in particolari al tema delle bonifiche ambientali, smantellamento sito, costi, legalità, sicurezza e progettualità futura.

Expo S.p.A. rendiconterà entro il 30 settembre prossimo ad Arexpo (la società proprietaria dei terreni) i costi ambientali delle bonifiche. Circa 60 milioni di euro che poi, come abbiamo ripetuto più volte, dovranno essere rendicontanti su chi ha inquinato quei terreni, dunque i proprietari privati iniziali, tra cui Fondazione Fiera e Cabassi, e non i cittadini! Il dott. Sala ci ha garantito, inoltre, che sarà effettuato un nuovo carotaggio per verificare la situazione ambientale dei terreni dopo l’esposizione e ha preso impegni anche in tema di zonizzazione acustica, falde acquifere e problematiche chimico industriali, garantendo che sollecità Arexpo affinché il progetto definitivo contempli tutti i rischi ambientali che fino ad oggi non sono stati valutati.

Il dott. Sala ha infine, in pieno accordo con il M5S, riconosciuto che Arexpo dovrà trasformare la sua azione da società impegnata nella vendita dell’area a società di gestione e sviluppo. Visto il ruolo prioritario che rivestirà Arexpo nello smantellamento dell’area, abbiamo evidenziato l’importanza della sottoscrizione del protocollo di legalità affinché tutti gli appalti di questa nuova fase vengano gestiti con un altissimo livello di controllo per evitare corruzione e infiltrazioni della criminalità organizzata. Il protocollo di legalità è un problema che riguarda anche i padiglioni stranieri, firmato purtroppo solo da 5 Paesi. Per questo, di fronte alle nostre preoccupazioni, il dott. Sala ha garantito che Expo Spa, per la parte che le compete riguardo lo smantellamento, eserciterà la stessa attenzione adottata in fase di montaggio, mantenendo un contatto diretto con la prefettura.

Come sempre, da quando siamo entrati nelle istituzioni, la nostra forza politica lavorerà affinché siano garantite legalità, trasparenza, sicurezza e progettualità futura, non speculativa, su quell’area. Da tempo il M5S ha sollecitato le istituzioni a tutti i livelli perché si arrivi concretamente a garantire un coordinamento per il dopo Expo. Ora chiederemo un incontro ad Arexpo e al Governo per dare forma al futuro di Expo, che al momento è una scatola vuota. L’incontro con i vertici di Expo Spa è stato importante ma vano se questi impegni non saranno rispettati. Per questo saremo sempre presenti, sempre pronti a controllare e a denunciare.

Movimento 5 Stelle Lombardia

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*