Cesano Maderno 5 Stelle

Il blog di Cesano Maderno 5 Stelle

Cesano Maderno 5 Stelle - Il blog di Cesano Maderno 5 Stelle

#Paleopolitica: Consiglio Comunale alle 10 del mattino? Senza partecipazione non può esserci trasparenza!

Il MoVimento 5 Stelle di Cesano Maderno esprime il suo totale disappunto in merito alla convocazione del prossimo Consiglio Comunale il giorno 26 Aprile alle ore 10:00.

L’orario mattutino a nostro avviso complica enormemente la partecipazione della cittadinanza ad un Consiglio che tratterà tematiche importanti e durante il quale saranno prese decisioni rilevanti per il futuro di Cesano Maderno. Se è vero che libertà è partecipazione vediamo lesa una libertà fondamentale del cittadino e riteniamo questa scelta in controtendenza rispetto alla tanto decantata trasparenza di questa Amministrazione.

Ci sentiamo, comunque, di appellarci alla cittadinanza affinché ci possa essere, nonostante l’orario infelice, una massiccia presenza in aula. Il gruppo del MoVimento 5 Stelle occuperà di certo i posti riservati al pubblico: come di consueto saremo lì con voi.

Siete la più bella cosa che un portavoce M5S possa vedere in un’aula consigliare!

Bilancio Partecipativo Ringrazio vivamente quelli che ieri sera erano presenti in consiglio comunale.
Probabilmente ce ne sarà un altro entro fine luglio. Vi terrò informati.

Se non siete in vacanza vi invito caldamente a partecipare: primo perchè dovete essere cittadini informati direttamente (e non da quello che posso raccontarvi poi io o qualche altro consigliere di maggioranza da delega in bianco dei 5 anni con una x sulla scheda elettorale). Secondo perché vi assicuro non ci si annoia mai.

Il percorso del “Cittadino si fa Stato” passa da piccoli passi insostituibili come questo.

Non abbiate mai timore ad alzarvi dal divano e raggiungerci.

Siete la più bella cosa che un portavoce M5S possa vedere in un’aula consigliare!

Walter Mio
Portavoce M5S pro tempore a Cesano Maderno

Il Teatro dei Pupi partitici va in onda come sempre a Cesano

Consiglio Comunale Cesano MadernoCesano Maderno, 3 Luglio 2015 – Il teatrino della politica in replica contro le proposte del M5S e contro la salute dei propri cittadini. Ecco a cosa abbiamo assistito Martedì 30 giugno 2015, durante il Consiglio Comunale di Cesano Maderno in cui è stata bocciata la Mozione M5S sulle Mense Sostenibili.

Il Movimento Cinque Stelle cerca dalla sua entrata in Consiglio Comunale di portare i grandi temi, le cosiddette stelle, di portata nazionale a livello locale, e quindi si batte per sensibilizzare o promuovere iniziative su argomenti di carattere sociale e ambientale, scontrandosi puntualmente contro un muro di gomma. Rimbalzano quindi proposte di buon senso, che a partire dalle lotte e dal lavoro dei nostri portavoce a livello regionale e nazionale, adattiamo e cerchiamo di portare al nostro territorio, per la tutela dei cittadini tutti e per portare informazione e trasparenza a ogni livello, così come fanno gli altri portavoce del M5S nei vari comuni d’Italia, con la differenza che ogni tanto loro trovano delle aperture e delle collaborazioni, contrariamente a quanto accade nel nostro Comune.

Ricordiamo che la maggioranza del Consiglio Comunale ha respinto in passato con motivazioni di vario stampo le  mozioni da noi proposte come la Mozione contro Dote Scuola il  03/07/14 per il diritto allo studio e una maggiore equità dei contributi tra scuola pubblica e scuola paritaria (mentre la medesima è stata approvata a Bovisio Masciago, Sondrio, Suzzara per esempio) o la Mozione per l’istituzione di un Registro delle Coppie di Fatto, respinta a maggioranza il 24/02/15  ma comunque respinta, mentre il registro è stato realizzato in ben 312 comuni d’Italia!

Infine martedì sera l’ennesima conferma che ogni proposta targata M5S deve essere a tutti i costi bloccata, stroncata e umiliata:  in un clima di scherno e indifferenza verso la mozione sulla Sostenibilità delle Mense a prima firma Mirko Busto e riadattata per il nostro e gli altri Comuni italiani, qui allegata, il Consiglio Comunale si è schierato nella sua maggioranza contro la riduzione del consumo di prodotti di origine animale e con la presenza di olio di palma nei menù delle mense comunali e nei cibi presenti nei distributori dei luoghi pubblici, nonostante la loro provata dannosità certificata da eminenti studi internazionali.

La mozione intendeva implementare i già esistenti progetti dell’Amministrazione ben conosciuti dai nostri portavoce e attivisti residenti nel Comune, sebbene siano stati accusati del contrario, ma a nostro avviso più orientati al consumo di verdure e frutta e di prodotti biologici, che sosteniamo ampiamente, ma poco focalizzati sulla riduzione (e non  l’eliminazione) di latticini, carni e del dannosissimo olio di palma.

Quindi ci si chiede, perché respingere e non integrare? Perché sempre e solo “No” a discapito della salute comune, dell’ambiente o delle richieste della società civile? Viene da pensare che le nostre proposte non siano approvate a priori, come se  ammettere che il M5S sia propositivo ed innovativo mettesse troppo in luce le carenze di questa Amministrazione anche quando non è assolutamente nelle intenzioni del nostro gruppo consiliare. Oppure è facile pensare che conti di più la strategia politichese, la facciata,  rispetto al vero bene dei Cittadini di Cesano Maderno.

Il teatrino della politica locale quindi è andato in replica, lasciando un senso di amarezza, vuoto, sconforto e un silenzio gelido e indifferente. Senza applausi.

I Portavoce 5 Stelle di Cesano Maderno restituiscono gli interi compensi consigliari

L'onestà andrà di modaI portavoce del MoVimento 5 Stelle di Cesano Maderno Walter Mio e Sergio Mazzini  hanno deciso di restituire interamente i loro compensi consigliari. Questa la comunicazione fatta dal Cittadino Walter Mio durante il Consiglio Comunale che si è tenuto martedì 24 febbraio 2015:

“Grazie Presidente. Ringrazio il Sindaco, i presenti Consiglieri e soprattutto i cittadini consapevoli che anche questa volta seguono i lavori di consiglio comunale. Presidente, il Movimento Cinque Stelle con i suoi portavoce di Cesano non ci può stare! Non può stare all’interno di questa istituzione con i propri gettoni di presenza!

Fin dall’inizio di questa legislatura comunale avevamo stabilito di restituire il 30 per cento dei nostri compensi nelle casse comunali a favore dei cittadini in difficoltà e così abbiamo fatto consapevoli che questa nostra scelta non avrebbe stravolto in meglio la vita di quei cittadini.

Da parte di alcuni ci è stato risposto che la politica ha un costo per la democrazia. Ora che la crisi morde dura come non mai lo vadano a ripetere in piazza; vadano a ripetere queste parole in libera piazza mentre una famiglia fatica a mettere la minestra sul tavolo la sera o comprare i quaderni di scuola. Io e Sergio l’altra sera ci siamo guardati in faccia e abbiamo deciso che il nostro gesto non bastava, che serviva di più, che oltre il cuore il popolo ha bisogno di sostegno pratico ed abbiamo deciso di restituire l’intero nostro compenso consigliare.

Presidente, le comunico che nei prossimi giorni invieremo tale nostra richiesta alla segreteria generale chiedendo di destinare le competenze a favore dei cittadini che in questo momento sono in grave sofferenza economica. Consapevoli ancora una volta che questo nostro piccolissimo contributo non possa (ahinoi) risolvere i gravi problemi anche nel nostro paese confidiamo che altri gesti seguiranno da parte di altri membri del consiglio comunale cesanese. Siamo altresì coscienti che seguiranno dichiarazioni di populismo nei confronti del nostro gesto. Le anticipiamo volentieri con le nostre piene voci: siamo populisti con vero dannato orgoglio!”