Archivi tag: Regione Lombardia

Dario Violi a Cesano Maderno – 10 febbraio ore 15:30

Sabato 10 febbraio alle ore 15:30 Dario Violi – candidato M5S per Regione Lombardia – sarà in visita a Cesano Maderno.
Il punto di partenza del tour sarà presso il Centro Commerciale il Gigante, dove si terrà il consueto banchetto del Movimento 5 Stelle.
Insieme visiteremo l’area, che dal 2000 avrebbe dovuto rilanciare il centro cittadino, ma così purtroppo non è stato.
In seguito, percorrendo Via Solferino, visiteremo l’area della Stazione Trenord, zona critica in termini di decoro urbano e sicurezza, come già più volte denunciato.
Da lì, percorreremo Via Volta e ne approfitteremo per visitare le numerose attività commerciali di vicinato.
Infine, attraverseremo il centro cittadino, e concluderemo il tour a Palazzo Arese Borromeo.
Partecipate numerosi e portateci le vostre domande in merito al programma del Movimento 5 Stelle per la Regione Lombardia!

#CesanoXDarioVioli #DarioVioliXCesano #Maratona5Stelle

SFIDUCIA-DAY! In piazza con il M5S per mandare a casa Maroni

Domenica 28 febbraio alle 14:30 in Piazza Duca d’Aosta, di fronte al Pirellone, il MoVimento 5 Stelle ha organizzato lo sfiducia-day per mandare #FuoriDaiMaroni il governatore di una Regione infangata e travolta dallo scandalo della corruzione e delle tangenti nella sanità, una Regione che ha il suo ex-assessore alla sanità Mario Mantovani agli arresti domiciliari e il presidente della commissione sanità dietro le sbarre.

Maroni non ha esercitato nessun tipo di controllo, e il risultato è stato il proliferare di un meccanismo perverso che gonfiava le liste di attesa e ingrassava il privato sulle spalle del pubblico, che indirizzava lauti appalti agli amici degli amici, con il leghista Fabio Rizzi, braccio destro e padre della recente riforma della sanità, che nascondeva i quattrini sporchi nel suo congelatore. Come facciamo a sapere che la riforma è stata fatta nell’interesse pubblico e non dei privati? Ora è necessario riportare nelle istituzioni quella cultura della legalità che politici attaccati da troppo tempo alle loro poltrone, abituati a gestire un giro d’affari enorme come quello della sanità lombarda, hanno smarrito. Solo così si potranno formare i veri anticorpi contro la corruzione. Anche la giunta Maroni, dopo quella di Formigoni, ha fallito.

Le scope con cui aveva promesso di ripulire il sistema in campagna elettorale hanno fallito. I lombardi ora meritano di poter tornare al voto: per questo vi aspettiamo numerosi domenica pomeriggio per gridare insieme FUORI DAI MARONI!

Salviamo i fondi per la scuola pubblica

La Regione Lombardia ha falcidiato i fondi per le scuole pubbliche a favore di quelle private. Per le prime sono scomparsi i contributi pubblici, per le seconde, sono stati ampiamente confermati.

E’ di ben 30 milioni di euro pubblici infatti lo stanziamento della Giunta Maroni che, sotto forma di “dote scuola”, sosterrà le famiglie che mandano i figli alle private. Solo briciole, con un contentino da 10 milioni di euro al contrario, restano per le famiglie in difficoltà che mandano gli studenti nelle scuole statali.

La sproporzione vergognosa nei finanziamenti è confermata anche dai numeri. Sono 1.172.333 alunni nelle statali, secondo dati aggiornati allo scorso settembre, contro i 199.641 delle private. Non basta: il sostegno per le private è erogato dalla prima elementare alla quinta superiore alle famiglie con un ISEE, un indicatore di reddito, fino a 38 mila euro. Per la stragrande maggioranza di famiglie, quelle che mandano i figli alla scuola pubblica statale, il sostegno è erogato SOLO dalla prima media alla seconda superiore con un ISEE fino a 15.458 euro.

Insomma in Lombardia chi ha reddito più alto e manda i figli alle scuole private è meglio tutelato e sostenuto di chi ha un reddito basso e li manda alle statali. La Lombardia è un Robin Hood al contrario: con le tasse di tutti sovvenziona le scuole dei più ricchi. M5S Lombardia chiede ai lombardi di partecipare in massa a un ricorso al TAR che chiede di mettere la parola fine alla dote scuola e a quest’uso delirante di risorse pubbliche.